Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
IT
piansa magazie

Sistemi di estrazione (parte 2)

Durante l'estrazione per percolazione l’acqua attraversa il caffè scendendo in un contenitore

di Piansa

ultimo aggiornamento 31/03/2014 09:44:47
Caffettiera Napoletana

I metodi che avvengono tramite percolazione sono:
  • Filtraggio: è il metodo più usato in America e nel Nord Europa. Nella macchina da caffè l’acqua calda viene versata sul caffè macinato grossolanamente, contenuto in un filtro di carta. La bevanda gocciola per gravità verso il basso e finisce nel contenitore sottostante. Il risultato non contiene particelle in sospensione, ma scarso aroma perché pochi sono gli olii che riescono a superare il filtro di carta.
  • Napoletana: la caffettiera napoletana sfrutta lo stesso principio del caffè filtro, divisa in due contenitori sovrapposti, con un filtro a cestello pieno di caffè macinato nel mezzo. Si porta a ebollizione l’acqua contenuta nel contenitore inferiore e poi si gira la caffettiera, in modo che l’acqua cada nel contenitore sottostante passando attraverso la polvere. Il caffè della napoletana ha un aroma delicato, dal corpo morbido ed è molto gradevole.
  • Moka: la caffettiera moka è composta da tre parti collegate fra loro: in basso la caldaia nella quale l’acqua viene portata ad ebollizione, in mezzo il filtro metallico, che serve a contenere il caffè macinato, ed in alto la parte che raccoglie la bevanda. L’acqua passa attraverso il caffè grazie ad una leggera pressione fornita dal vapore. Si ottiene un caffè dal gusto abbastanza forte e con un aroma intenso; dato che l’estrazione avviene con una piccola pressione in questo caso il macinato viene sfruttato di più.
  • Espresso: è il sistema che sfrutta al meglio la polvere di caffè. Infatti, grazie all’estrazione con la forte pressione, si estraggono le sostanze solubili, che danno gusto alla bevanda, e quelle insolubili che imprigionano gli aromi. Questo metodo utilizza acqua a 90-95° C, a pressione elevata che estrae la bevanda in un tempo brevissimo: l’acqua cade dall’alto verso il basso passando attraverso il filtro con caffè macinato e pressato; quindi, tramite un beccuccio, arriva nella tazzina.