Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
IT
piansa magazie

L'assaggio del Caffè Espresso

Il caffè viene sottoposto ad analisi sensoriale per individuarne caratteristiche e qualità

di Caffè Piansa

ultimo aggiornamento 05/04/2017 09:37:11
Caffè Piansa Tasting

Torrefazione Piansa

Analizzare sensorialmente un caffè espresso è fondamentale per valutarne la qualità.
Una buona tazza è il risultato di un percorso che parte della scelta di un ottima materia prima, il caffè verde in grani, passando attaverso un attento processo di torrefazione che trasforma ed esalta 
le caratteristiche dei chicci, per finire con una corretta preparazione in macchina da espresso da parte di un barista preparato e qualificato.
L'analisi sensoriale è uno strumento che ci permette di valutare attraverso i nostri sensi se questo percorso qualitativo è stato eseguito con cura e quali sono le caratteristiche aromatico-gustative che contraddistinguono un caffè da un altro.
Nel momento in cui ci viene servito un espresso il primo senso ad essere coinvolto è la vista, con la quale valutiamo il colore, la persistenza e l'elasticità della crema. Un buon espresso presenta una crema color nocciola, persistente, elastica e non troppo spessa.
Il secondo dei nostri sensi ad entrare in gioco è l'olfatto. Dopo aver valutato velocemente la crema e aver girato la bevanda nella tazza come si fa con il vino, si avvicina l'espresso al naso per percepirne l'aroma. Quest'ultimo deve essere presente e piacevole, presentado odori che possono variare dal cioccolato, alla frutta secca o addirittura alla frutta matura.
Siamo arrivati al momento dell'assaggio vero e proprio che coinvolge il nostro tatto all'interno della bocca e il nostro gusto. Fin dal primo sorso possiamo valutare la sensazione tattile generata dalla temperatura e dalla viscosità del liquido, rappresentata dal cosiddetto corpo. Questo può essere più o meno intenso ma è importante che sia pulito e non troppo ruvido.
Possiamo adesso concentrasi sull'aspetto gustativo, analizzando livello e qualità dell'acidità, della dolcezza e dell'amarezza.
Un espresso di qualità è una tazza bilanciata che presenta un'acidità simile a quella degli agrumi, una buona dolcezza come quella del caramello, con una possibile nota di amarezza finale di cioccolato fondente o cacao.
Infine quando abbiamo finito il nostro espresso, la nostra esperienza sensoriale continua attaverso il cosiddetto retro-gusto, che combina i sapori all'aroma percepito a livello retro-nasale. Il restrogusto può essere più o meno persistente ma sempre piacevole.